Joe Pass

...

Joe Pass (vero nome Joseph Anthony Passalaqua), tra i più grandi ed indiscussi chitarristi del jazz di tutti i tempi, era figlio di un gualtierese.

Mariano Passalacqua, padre di Joe, è nato a Gualtieri Sicaminò l’8 dicembre 1899 ed è emigrato nel 1921 negli Stati Uniti, dove ha trovato lavoro come operaio in un’acciaieria di Johnstown, in Pennsylvania.

Mariano dopo avergli regalato una chitarra per il nono compleanno, capì che Joe era particolarmente portato per quello strumento.

Chiunque lo ascoltava rimaneva immediatamente colpito dalla sua bravura nell’improvvisazione, nel virtuosismo e nel sapere trarre dallo strumento suoni, accordi e melodie mai ascoltati prima.

Da ragazzo scopre i grandi chitarristi del jazz come Django Reinhradt e Charlie Christian, per passare poi alla passione per il be.bop di Charlie Parker, Bud Powell e Dizzy Gillespie.

Trasferitosi a New York collaborerà con i pianisti Arnold Ross e Less Mc Cann per poi entrare a far parte dell’orchestra di Gerald Wilson.

Nel 1973, arriva il contratto con la Pablo Records di Norman Granz. Joe Pass, rappresenta l’apice dell’interpretazione strumentale nell’olimpo della musica afroamericana.

Virtuoso dello strumento, improvvisatore sofisticato e geniale, sensibile interprete, nel corso della sua carriera Joe Pass ha regalato agli appassionati pagine storiche della discografia collaborando con il gota del jazz mondiale.

Tra questi segnaliamo Frank Sinatra, George Shearing, Duke Ellington, Ella Fitzgerald, Milt Jackson, Count Basie e Johnny Griffin.

Purtroppo un cancro al fegato lo condusse alla morte il 23 maggio 1994, a 65 anni.